Sugli accordi di Vienna

raqqaNella rubrica internazionale con un compagno del collettivo Tazebao, durante la rassegna stampa del lunedì, trattiamo i cosiddetti Accordi di Vienna, approfondendo i ruoli e le mosse di Usa, Nato e Russia nel contesto siriano. Citiamo l’invio di 1200 uomini e mezzi in Medioriente da parte della Germania e i bombardamenti dall’Inghilterra, in uno scenario di guerra in cui ogni attore in campo tenta di ricavarsi la propria fetta di torta. I presunti attacchi all’Isis – che come sempre colpiscono la popolazione civile – diventano oggi l’ago della bilancia degli imperialisti per contare negli equilibri di potere e saccheggio nel Medioriente.  Parliamo anche del ruolo dell’Italia che risulta per ora “più defilata”, ma solo perchè si è data la principalità del processo di “normalizzazione” della Libia. In questo scenario approfondiamo il ruolo della Turchia e l’attuale rafforzamento della collaborazione tra Russia e Iran. Buon ascolto.

intervista tito 14 12 2015

One thought on “Sugli accordi di Vienna

Comments are closed.