Controcorso Quaderni Resistenti 1 – Revisionismo e Resistenza

dai controcorsi degli Studenti della Federico II di Napoli

Quello che ci dicono i libri,
quello che ci racconta la storia

Il primo controcorso non a caso è stato incentrato sul revisionismo storico, sulla resistenza italiana e jugoslava al nazi-fascismo e sul mito oggi tanto decantato delle foibe, caro alla destra revisionista. Si è inquadrata con uno sguardo critico di prospettiva storica la vicenda nel suo contesto per abbattere la semplice propaganda di falsi storici messa in piedi da CasaPound come da La Destra ed altri partiti, che cercano una legittimazione e riabilitazione storica del fascismo, pretendendo anche di sfilare nelle piazze italiane ogni 10 febbraio.

revisionismo e resistenzaAl di là del caso specifico, il revisionismo storico, che si attua anche attraverso il semplice studio nozionistico o idealista della storia, si configura come lo strumento per eccellenza dell’ideologia dominante per depotenziare la portata delle conquiste rivoluzionarie e cancellare nella società attuale ogni prospettiva di trasformazione radicale della realtà.

Il lavoro è stato svolto partendo da un gruppo di studio che ha individuato testi di riferimento come basi di partenza e che si è confrontato nella strutturazione della
discussione con i relatori invitati  (Giuseppe Aragno, Sandi Volk,
Ilenia Rossini) che hanno dedicato molto tempo a questi studi e perseguono da
storici una battaglia culturale al revisionismo.
Centrale nella strutturazione di questo, come dei prossimi controcorsi, è e sarà l’analisi delle fonti riportate in calce ai quaderni.

Continua qui Quaderni Resistenti 1 – Revisionismo e Resistenza

Il podcast dell’intera iniziativa tenutasi lo scorso 23 Aprile 2012 nella Facoltà di Lettere e Filosofia, Via Porta di Massa 1, allo Spazio di Massa Reloaded:

Radiodimassa-controcorso revisionismo e resistenza – 23aprile2012-prima parte

Radiodimassa-controcorso revisionismo e resistenza – 23aprile2012-seconda parte

jackob

immeritatamente autore di "pace sociale? il programma che piace a...nessuno!"